Vacanza Esperienziale
Italia – Isola del Giglio
22 Settembre 2016

“Dalla fuga alla presenza: il Giglio”

L’Isola del Giglio, insieme a Roma, è il cuore dell’Italia.

Accompagnata dai primi raggi di sole che penetrano dalle fessure delle mie finestre, lentamente mi adagio nella materia tridimensionale. Ogni mia cellula respira, il battito del mio cuore è lento è ritmato. Lascio che il respiro sostenga la memoria del sogno lucido appena fatto e, come spesso accade ai sogni vissuti nel dormiveglia, ricordo tutto perfettamente come fosse reale.

In realtà lo è… “Il luogo… è l’Isola del Giglio.”

Il luogo è l’Isola del Giglio???… Sono ancora troppo assopita per capire e forse non è capire che mi interessa, ma VEDERE. Chiudo gli occhi, un luogo luminescente mi accoglie.
Come una pellicola proiettata su un grande schermo, la visione del sogno si manifesta in ogni suo dettaglio. L’informazione è talmente chiara da essere inconfutabile.
La visione del sogno mi porta a vedere uno spazio ultraterreno illuminato da una luce iridescente. Lo scenario appare di un azzurro intenso, annullando ogni confine fra cielo e mare. La limpidezza del luogo evidenzia la traccia del sogno, la luce è davvero di un’intensità indescrivibile. Dalle acque profonde e trasparenti, emergono anime nel loro corpo
104 Capitolo Sette Dalla Fuga alla Presenza: Il GIGLIO 105 tridimensionale. Ora una, ora l’altra, sembrano fiori marini che sbocciano in moto costante da acque sacre cristalline in piena primavera. Un suono arcano rende visibile l’invisibile.
Con moto fluente, ogni corpo emerge con una forma circolare di legno color avorio, alta nove centimetri, sul capo. Su di essa inciso il simbolo del Flor-de-Lis color azzurro chiaro.

Lo stesso azzurro e la stessa chiarezza della trama dell’intero sogno. Il suono del mare emana un fascino arcano, una forza misteriosa porta a galla i loro corpi, lasciando emergere una verità profonda che nessun mare può naufragare….

(……..)

Tratto da MyeshuakOr Il Codice dell’origine

PRENOTA ONLINE

Stazione Celeste