Adele Venneri Creautrice

Sono pura Coscienza nel Corpo che mi ospita, viaggio in questi ed altri pianeti, Manifestando nella Materia ciò che da bambina ho sempre visto su altri livelli. Attratta da sempre dal mistero della morte e della vita.

In questa esistenza, l’osservazione del corpo è stata il mio primo grande amore. Fin da bambina mi sono sempre chiesta il motivo per il quale i corpi delle persone che osservavo dalla finestra della mia casa fossero così diversi.  Già all’età di sette anni mi chiedevo quali sentimenti quelle persone potessero provare  al di là del corpo con cui si muovevano. Tenevo tutto dentro me stessa senza parlarne mai con nessuno.

Mi sono sempre sentita attratta dalle materie umanistiche, nonostante poi, per sottostare alle scelte imposte dalla coscienza famigliare, ho frequentato studi puramente tecnici e scientifici.

Nel mio cuore ho sempre sentito un’antica solitudine. La vita che vivevo fuori di me non corrispondeva al mio mondo interiore e l’unico modo che avevo per dare voce alle mie emozioni, era attraverso l’anima da poeta che fin dall’infanzia mi ha incarnata. Tranne che per me stessa, scrivevo poesie per tutti e per ogni occasione, ricordo che mio padre diceva che le mie poesie facevano piangere anche le pietre. Quanta saggezza era custodita nelle sue parole… ne è passato di tempo prima che ne prendessi coscienza.

Più volte la mia personalità ha cercato di sfidare la mia anima, ma seppur non sia stato semplice, è sempre LEI che ho seguito. Iniziai a liberarmi delle corazze del mio corpo, smisi di stenografare, lasciai andare la logica e la matematica e ancora giovanissima scelsi di diventare MADRE, la Creazione più bella della mia vita.

Madre di me stessa, oltre che di due splendidi figli ancora piccoli da crescere, ripresi gli studi, e questa volta fui io a scegliere quali.

Lo studio del corpo, la psicologia trans-personale, le neuroscienze, la medicina cinese, lo studio delle energie e i misteri del cosmo divennero il nutrimento del viaggio verso me stessa. Accompagnata dalle memorie incise nelle rughe delle mie mani, da parte delle nonne materne curandere, finalmente trovai risposta a tutte quelle domande che durante l’infanzia mi ero sempre posta.

Come in un tango, passo dopo passo, aspetto dopo aspetto, il mio maschile ed il mio femminile iniziarono a danzare nel mio vascello. Con tutti i suoi strappi, le sue cadute e le sue bandiere innalzate nel nome della libertà di me.

Lo spirito cercato ovunque e in chiunque prese forma quando mi ritrovai sulla cima dell’Aconcagua, in Argentina. Qui riconobbi la Donna NERA dei miei sogni. Fu allora che permisi allo Spirito di incarnarsi in Me. Lasciai andare l’attaccamento a ogni mia conoscenza e mi arresi completamente all’invisibile con cui da bambina ero rimasta sempre in contatto. Quella forza Divina che mi ha sollevata da terra tutte le volte che ho pianto e quella stessa forza che mi ha portata a ME, quando tra Scienza e Spiritualità, cercavo D’io.

Il profumo della Donna Nera incontrata in Argentina era quella della Grande Madre, di Maddalena e di Me che nell’Eterno Presente mi riconoscevo.

Di quel profumo me ne sono innamorata.

L’Evoluzione accade soltanto quando lo Sconosciuto diviene Conosciuto e l’Ordinario diviene Straordinario.

Nel nome della Rosa cosí è.

Sono Acqua quando piango…
Sono Fuoco quando amo…
Sono Terra quando lavoro…
Sono Aria quando prego…
Sono etere quando respiro.

Nel divenire della vita… questa SONO IO.

Adele Venneri Creautrice